Pagina Instagram: Ogni libro è un viaggio.

Ed anche quest’anno,  si è svolta per la quarta edizione consecutiva  l’appuntamento con : “Modena Nerd 2019 “. Nei giorni 14 e 15 di Settembre, tutti gli appassionati di videogiochi e fumetti di sicuro non si saranno fatti scappare il tanto atteso appuntamento. 

Quest’anno gli autori per ringraziare il successo delle passate edizione hanno rincarato la dose, basta dire qualche numero: più di 20mila metri quadrati di esposizione, oltre 110 espositori, 400 postazioni dedicate ai videogiochi, 70 autori di fumetti, 200 eventi dal vivo. Nelle due giornate dedicate all’evento sono stati presenti all’evento oltre 70 artisti ospiti, italiani e internazionali, per citare qualche nome: Giovanni Muciaccia e i suoi ‘attacchi d’arte’, Danilo Bertazzi e Lorenzo Branchetti della ‘Melevisione’ , Giorgio Vanni che ha fatto ballare e cantare sulle note delle sigle più famose dei cartoni animati (Dragon Ball e Pokemon ) milioni di ragazze di tutte l’età,  per gli ‘youtuber’ ci sono stati  Fraffrog e RichardHTT, maestri del disegno sul web; Cartoni Monti, famosi per i suoi corti umoristici; Dario Moccia e Barbascura X e poi Sbriger, giovane giocatore di Minecraft. Inoltre per l’occasione è stata presentata in anteprima mondiale la MOC dedicata alla Ghirlandina, torre del duomo di Modena, patrimonio UNESCO, che quest’anno celebra i 700 anni dal completamento.

Gli appassionati di fumetti hanno potuto ammirare più di 70 disegnatori all’opera: artisti come Ian Churchill, Marco Checchetto, Pere Perez, David Lopez, gli autori Marvel Stefano Landini e Mario Del Pennino e l’illustratore di fama internazionale Paolo Barbieri. Nel corso dei due giorni, ci sono stati tutta una serie di workshop dedicati, conferenze e incontri. E’ stato possibile ammirare le tecniche delle star internazionali del fumetto guardandole all’opera dal vivo. Ad arricchire un’offerta comics di assoluto livello hanno contribuito gli stand delle principali case editrici: Panini Comics, RW Lyon, Editoriale Cosmo.

Novità assoluta della quarta edizione è stata l’area dedicata al Kpop, la musica pop coreana, straordinario fenomeno di costume che negli ultimi anni ha superato i confini del proprio paese d’origine per raggiungere milioni di fan in tutto il mondo. Gli amanti della cultura giapponese avranno invece potuto apprezzare il corner dedicato al j-pop, con la presenza in fiera dell’artista e influencer Eriko Kawasaki.

Ancora una volta Modena Nerd si è dimostrato un grande festival adatto a tutti, grandi e piccini, caratterizzato per la grande varietà di eventi e iniziative. Un weekend di divertimento assicurato per le famiglie, appassionati o assoluti neofiti della cultura nerd, uniti dalla voglia di partecipare a questo grande appuntamento annuale. 

Al prossimo articolo Amabili Lettori !

Gisella Carullo

Recensione “Naruto” di Gisella Carullo

Naruto (NARUTO -ナルト-?) è un manga scritto e disegnato da Masashi Kishimoto e pubblicato dall’ottobre 1999 al novembre 2014 sulla rivista Weekly Shōnen Jump di Shūeisha, per un totale di 15 anni di serializzazione. I 700 capitoli realizzati sono stati raccolti in 72 volumi tankōbon sotto l’etichetta Jump Comics; il manga è stato tradotto e pubblicato in diverse lingue, tra cui in inglese da Viz Media, in italiano da Planet Manga, in francese da Kana, in tedesco da Banzai! e in spagnolo da Glénat.

La trama segue le avventure e le vicissitudini del giovane Naruto Uzumaki, il quale, partendo da ninja inetto e diventando via via più forte, cerca di cambiare il suo mondo, inseguendo il sogno di diventare hokage.

Dal manga sono state tratte due serie televisive anime entrambe prodotte dalla Pierrot e andate in onda su TV Tokyo: la prima, Naruto , composta da 220 episodi e adattante i primi 27 volumi del fumetto, è stata trasmessa in Giappone dal 3 ottobre 2002 all’8 febbraio 2007; la seconda, Naruto: Shippuden : Le cronache dell’uragano”), andata in onda dal 15 febbraio 2007 al 23 marzo 2017, è l’adattamento animato dei volumi dal 28 in poi. Inoltre, la serie è stata trasposta in altri media come romanzivideogiochifilm e OAV.

Naruto è una delle serie manga e anime più famose e di successo. Con oltre 250 milioni di copie è il terzo manga più venduto al mondo, subito dietro One Piece e Dragon Ball.

E’ un manga che non si è fatto amare subito da me, pensavo si trattasse di semplice combattimento, ed invece il manga racchiude un significato importante, non scontato e per nulla banale, ma mano a mano che andavo oltre, Naruto ha saputo conquistarmi. Ogni singolo personaggio ha una storia ed un vissuto che lo ha segnato.  Sono riuscita, gradualmente, ad entrare nella storia e a conoscere tutti i personaggi e mi sono fatta un’idea molto chiara del mondo dei ninja e delle loro tecniche di combattimento. 
Non credevo che potesse prendermi così tanto, anzi ero sicurissima del contrario. La seconda parte è stata più accattivante della prima. In primis perché i protagonisti e gli altri persoanggi che fanno da “sfondo”si sono evoluti sul piano sia fisico che morale, sicché la storia prende una via più adulta rispetto alla precedente e di conseguenza la storia si fa più seria. I “cattivi” del nostro anime, si sono appunto di gran lunga migliorati e con un background che stupisce. Le scene di combattimento vengono magnificamente e graficamente rappresentate e in particolar modo il combattimento tra Pain/Nagato e Naruto. 
I cattivi sono stati descritti con abile ingegno, e non sono mancate le scene ricche di azione e suspance. Una caratteristica che ho colto durante la lettura è che i “ cattivi” non rappresentano l’emblema del malvagio per eccellenza, ma sono stati portarti, a causa di forze maggiori, a comportarsi così.  In fondo anche loro hanno ancora una piccola parte di “bontà\umanità” che in alcuni casi riuscirà a fare capolino. Ecco ! un aspetto che mi è particolarmente piaciuto di questo anime è la possibilità dei personaggi di redimersi e quindi avere una seconda possibilità, per riscattarsi. A ognuno di loro, anche quando sembravano spacciati, gli viene concessa la possibilità di poter tornare indietro, ripensare ai propri errori e a cambiare il loro destino e quello degli altri, in meglio. 
Ottime anche la scelta delle ambientazioni perle scene di azione e movimento.  I combattimenti si basano sull’uso del chakra, centri di energia non visibili all’occhio nudo ma che sfrutteranno i personaggi per realizzare arti magiche e illusorie: molto descrittive le varie tecniche sfruttate. Tra i personaggi che ho apprezzato, sicuramente: Naruto, Uchiha Sasuke, Haruno Sakura, Hatake Kakashi, Obito Uchiha e per concludere l’antagonista per eccellenza Uchiha Itachi. Per concludere vi lascio con una delle tante frasi di Naruto che mi ha colpito:
Anche quando sbagli conservi grande dignità. Osservarti mi colpisce sempre perché non sei perfetto, e così commetti degli errori, ma ogni volta hai la forza di ripartire, e io penso sia quella la vera forza”.